venerdì 30 dicembre 2011

A tutti i soci Amici e Simpatizzanti i più sinceri Auguri di Buone feste!


Pelli di Foca

Confidando che la neve arrivi a tempo debito e copiosa o almeno sufficiente a permetterci di fare qualche uscita in compagnia e in sicurezza, siamo pronti a organizzare qualche bella esperienza con gli sci d'alpinismo.
Appassionati ed interessati saranno informati in tempo utile. I referenti di questa attività sono:

Giancarlo Zonta 3496624627
Corrado Piazza 3290697379
Ivo Zandonella 3346546354

Inoltre il 29 gennaio si terrà l'annuale gara di sci alpinismo Pitturina Ski Race - Memorial g.a. Marco Zambelli, alla quale in parte collaboriamo nell'organizzazione, soprattutto lungo il percorso di gara. A tal fine vi invitiamo a dare la vostra disponibilità nell'assistenza logistica, pregandovi di prendere contatti con l'organizzazione almeno una decina di giorni prima ai seguenti recapiti:

Michele Festini 3486020664
Giancarlo Zonta 3496624627

Ciaspole

Altra attività piacevole e salutare è il camminare con le racchette da neve. Anche in questo settore faremo sapere in tempo le proposte di escursione. I referenti sono gli stessi dello sci alpinismo.

Anche in questa attività la nostra sezione è attiva e collaborativa con il consorzio turistico nella organizzazione della CiaspDoloMitica 2012 che avrà luogo a Padola il 15 gennaio 2012. Ma non solo, la settimana precedente all'evento sportivo è programmata una serie di escursioni con le racchette, accompagnate da Guide Alpine ed Esperti C.A.I., alle quali sarà data la corretta informazione, al fine di promuovere questo piacevole e non difficile modo di muoversi sulla neve. I percorsi proposti sono:

Lunedi 9 gennaio Casera Ajarnola
Martedi 10 gennaio Val Visdende
Mercoledi 11 gennaio Cima Colesei
Giovedi 12 gennaio Monte Zovo
Venerdi 13 gennaio Casera Coltrondo
Sabato 14 gennaio Passo Sant'Antonio

Il programma dettagliato e le modalità di partecipazione qui www.ciaspdolomitica.it

La sezione propone quest'anno ai soci, amici e simpatizzanti, l'opportunità di acquistare la giacca sotto raffigurata con il logo della sezione al prezzo di 105€ cadauna a fronte di un ordine di pezzi 100 (il prezzo aumenta di 10€ se non si raggiungono i 100 ordini).

La giacca SOFTSHELL SS51 PARADISO in tessuto idrorepellente antivento, traspirante interno in microfibra, viene realizzata dalla ditta SOULLIMIT http://www.soullimit.com/.
Si può visionare e provare il capo in Sede il sabato dalle ore 17 alle ore 19 per tutto il mese di gennaio 2012.

L'ordine viene confermato con un acconto di 50€.

clicca sull'immagine per ingrandirla



Tesseramento 2012.

Come sempre il termine utile per il ritrovo del tesseramento è fissato al 31 marzo 2012. Tutti i soci sono invitati alla puntualità, utilizzando il modo che ritengono più opportuno (contatto diretto con referente o con bonifico bancario). La Sede Sezionale di Casamazzagno, Piazza della Salute 7, sarà aperta tutti i sabati dalle ore 17 alle 19 da gennaio all'ultimo sabato di marzo 2012. Sono sempre disponibili i "soliti" referenti dei bollini in ogni paese del Comelico. I soci a cui la segreteria invia il bollino a mezzo corrispondenza, sono pregati di integrare di 1 euro il versamento a favore della Sezione, per le spese postali. Chi non intende aderire più al sodalizio è pregato di comunicarlo con nota scritta entro il mese di febbraio 2012.

Referenti:

Candide - Sonia De Lorenzo Abbigliamento 043568341
Casamazzagno - Rosalia Martini Barzolai 043567357
Dosoledo - Mario Cesarino Staunovo Polacco 043568032
Padola - Vittorio e Vanda Carbogno 043567219
Padola - Chiara e Federica Osta - Oggettistica 043567342
San Nicolò, Costa e Danta - Irma de Tomas 3298869981
Santo Stefano e Campolongo - Dino Fontana 043562484
Costalissoio e Casada - Cartolibreria Carducci 043562648
San Pietro, Mare e Presenaio - Ivo Zandonella 3346546354
Costalta - Ruggero Casanova 0435460470

Tariffario:

Socio ordinario 41€
Socio familiare (convivente con ordinario) 22€
Socio giovane (minori di 18 anni, nati nel 1995 e seguenti) 16€
Quota ammissione nuovo iscritto (tessera gadget e altro) 9€

Quota di abbonamento eventuale a Rivista e notiziario:
- socio familiare 10€
- socio giovane 10€

Supplemento abbonamento a Rivista e Notiziario per recapito estero 23€
Quota abbonamento eventuale a Dolomiti Bellunesi, due numeri 6€
Quota abbonamento eventuale a Le Alpi Venete, due numeri 6€
Contributo supplementare per rinnovo dopo scadenza 31 marzo 2012 - 5€

I rinnovi possono essere effettuati nei seguenti modi:

Bonifico bancario su c/c n. 101050010 intestato a sezione CAI Valcomelico presso Unicredit Banca SpA, Agenzia di Santo Stefano di Cadore.

Codice IBAN IT64K0200861280000101050010.

- Assegno bancario con dicitura "non trasferibile" intestato alla Sezione CAI Valcomelico presso.
- Direttamente presso uno dei nostri sopraelencati fiduciari referenti.

Cosa dà il Bollino.
Il bollino in regola, oltre alla partecipazione a tutte le attività sezionali, garantisce:

- un trattamento agevolato nei rifugi CAI.
- La copertura assicurativa per interventi di recupero da parte del Soccorso Alpino a seguito di incidenti in montagna e la responsabilità civile per danni procurati a terzi.
- La copertura assicurativa per infortuni durante attività sezionali.
- L'invio dei periodici del CAI, la Rivista e il Notiziario lo Scarpone ai Soci ordinari.

ecco inoltre il Calendario gite invernali Sezioni Cadorine CAI 2012 in immagine (clicca sopra per ingrandirla)


lunedì 3 ottobre 2011

Attività escursionistica 2011

Le escursioni sono state attuate come da programma ad eccezione delle uscite del 24 luglio e 7 agosto, annullate per avverse condizioni meteorologiche.

12 giugno, escursione naturalistica geologica in Val Visdende lungo la Val di Londo e sulla cresta S/E del Palombino, sotto una pioggerelina insistente con rientro all’agriturismo malga Dignas per il pranzo conviviale di apertura della stagione estiva………, hanno partecipato una ventina di soci.

19 giugno, Costa della Spina – Alta Val Padola. Dopo una nottata di pioggia battente la mattinata si presenta incerta, infatti all’appuntamento ci troviamo in due, io e Michele, decidiamo ugualmente di intraprendere l’escursione e durante il tragitto ne approfittiamo a programmare le serate culturali. Gli scenari mutevoli dalla Spina sono bellissimi e li immortaliamo con le nostre camere digitali. La natura ci regala degli scorci deliziosi, macchie di rododendri color rosa intenso tra il verde della prateria, specchi d’acqua verde smeraldo, ben sette lungo la cresta………







26 giugno, Monte Pietra Bianca – Val Visdende. Sette sono le unità che partecipano all’escursione. La giornata si presenta parzialmente soleggiata, sarebbe la prima della stagione estiva……… A col della Varda si alza una coppia di aquile volteggiando per qualche minuto sopra le nostre teste. In cresta lo scenario è bellissimo, se pur con assembramento di nubi in quota; raggiungiamo la sommità del Monte Pietra Bianca faticosamente, il dislivello è notevole dal fondo valle, poi si scende lungo il nuovo sentiero (174) verso la Valle dell’Oregone.





9-10 luglio, Monte Coglians – Alpi Carniche, per la ferrata austriaca. E’ il più bello e soleggiato weekend dell’estate, alla partenza dal rif. Tolazzi siamo in dodici, risaliamo il sentiero che porta al rif. Lambertenghi sotto il peso gravoso dello zaino grondando sudore per il caldo afoso pomeridiano. Al rifugio ci dissetiamo con una birra fresca, così pure al rifugio austriaco Pichl, durante una piacevole passeggiata circoscrivendo il laghetto di Volaia, catturando delle foto bellissime sul calar del sole. L’indomani ci attende la salita lungo la via ferrata alquanto impegnativa, lungo i suoi 550 m. di dislivello per raggiungere la cima del Coglians. Infatti sulla cima siamo tutti felici ma provati dalla faticosa arrampicata. La discesa non è da meno, lungo il canalone sommitale, finchè non si riprende un comodo sentiero che porta da prima al rif. Marinelli e poi al rif. Tolazzi. Tommasina e Wilma ci hanno raggiunto al rifugio nel primo mattino del giorno 10, aggregandosi alla resto del gruppo; toste le nostre donne!! Una parentesi sulla nottata al rifugio è d'obbligo: un numero limitato di soci, per la precisione tre, hanno trovato modo di trascorrere il sabato notte tra una birra e l'altra al rifugio austriaco e, costretti all'adiacio, perchè non trovavano la porta di servizio per entrare nel nostro rifugio, alle tre del mattino l'avventura si è conclusa.......




14 agosto, Terza Media – Gruppo delle Terze. E’ una cima della nostra vallata, non facile da raggiungere, per passaggi delicati su roccia e la cresta terminale alquanto sottile. Siamo in otto persone e di buona lena raggiungiamo il passo della Digola. All’inizio sono le donne che danno il ritmo; dopo il terreno è più impervio e faticoso per le pendenze da superare e si sale più lentamente. Superiamo la parte alpinistica senza alcun intoppo e felicemente raggiungiamo la cima. Il Comelico è ai nostri piedi, la visione a 360° è superba; si ritorna e, per dare più vigore all’uscita, si decide di rientrare con giro circolare attraverso il bivacco Marta e giù al rif. Volontari Alpini, tragitto se pur faticoso, ha riempito di gioia il cuore di alcune componenti del gruppetto.




26-27 agosto, Strada degli Alpini con il CAI di Verbania. Il giorno 26 gli amici di Verbania, ben 39 elementi, dalla Val Fiscalina salgono al rif. Comici per il pernottamento con il nostro accompagnatore Corrado. L’indomani fin dal primo mattino i primi temporali si abbattono sulle Dolomiti di Sesto e Comelico, non permettendo l’escursione. Si rientra in Val Comelico, riscendendo a valle, tra un temporale e l’altro senza evitare la grandine e il gruppo sale al rif. Berti, confidando nelle condizioni meteo del giorno successivo. Le previsioni di bel tempo si avverano, Corrado si fa carico di accompagnare il gruppo numeroso prima verso l’ex rif. Sala e poi lungo i sentieri 152 e 153, superando tutta una serie di forcellette e cadini che attraversano longitudinalmente tutto il gruppo del Popera, da Nord a Sud, fino a toccare la Rocca da Campo (Tre Picchi), Col dlà Tenda e scendere sull’abitato di Padola, restando meravigliati per gli scorci panoramici che si prospettano al superamento di ogni forcella. Hanno lasciato il Comelico con nostalgia, con la promessa di farvi ritorno al più presto e poter portare a compimento la Strada degli Alpini, negatagli dal maltempo.



4 settembre, Monte Pupera di Valgrande – gruppo Brentoni. Le previsioni meteo non sono delle migliori ma i due accompagnatori vogliono fronteggiare la cattiva sorte trovandoci all’appuntamento alle h. 7,00 del mattino e guarda caso il tempo tiene!! In sette elementi ci incamminiamo lungo la Val Pupera, si sale decisi. E’ un gruppetto che non tentenna anche di fronte alle prime asperità alpinistiche, superate tranquillamente mettendo in atto i mezzi d’assicurazione predisposti da Ivo. Dopo cinque ore tocchiamo la cima Ovest, tutto intorno le cime sono avvolte da nuvoloni ad esclusione della nostra; facciamo le foto di rito e subito diamo corso al rientro prima dell’arrivo della pioggia che avrebbe procurato seri problemi visto l’ambiente che dovevamo ripercorrere con calate su corde fisse da predisporre. Arrivati sul prato sottostante le crode e i canaloni ghiaiosi, ci fermiamo per un meritato riposo ed uno spuntino. Il bivacco Ursella-Zandonella è sotto di noi, più spostato sulla sinistra rispetto alla nostra linea di rientro, ottimo ricovero in caso di imminente temporale violento, rosso fiammante tra il verde cupo dei mughi, rinnovato nel colore di recente da un socio volontario. Grazie Emilio, anche da parte di Italo Zandonella Callegher. In prossimità del bivio di casera Federa Mauria ci sorprende la pioggia, ma ormai abbiamo lasciato alle nostre spalle le difficoltà alpinistiche.






17-18 settembre, Creta Grauziaria e Monte Sernio – Alpi Carniche. Una sparuta rappresentanza sezionale va all’appuntamento con gli amici di Buia, io ed Ivo. Le previsioni meteo non sono buone per la giornata di domenica, ma confidiamo come sempre nella buona sorte. Il sabato lasciamo l’auto in località Case Stallon del Nanghet a quota 740 m. circa e ci incamminiamo verso il rif. Grauzaria (m. 1250) con Aldo, Romano e Fabbrizio, superiamo il rifugio e saliamo un canalone fino al Portonat (m. 1860), valico tra il versante Nord e Sud della Creta Grauzaria. Ci attende un bella arrampicata e traversi su cenge fino alla cima (m. 2065); si ritorna al rifugio per il pernottamento e ci guardiamo attorno le varie vie di arrampicata che offre la Creta, in particolare il roccione della Sfinge. Nel tardo pomeriggio ci raggiungono altri tre amici di Buia con i quali ci apprestiamo a cenare. La cena è una cosa gradevole, la cuoca ci ha preparato un piatto originale, la gestione del rifugio è molto ospitale. Domenica ci raggiungono altri soci della Sezione di Gemona del Friuli per salire sul monte Sernio. L’alba è favorevole e alle h. 8,00 ci incamminiamo lungo l’itinerario programmato, ma dopo un’ora e trenta di cammino inizia a piovere, si decide di rientrare anche perché il cielo si sta facendo sempre più cupo e tuona. Al parcheggio ci congediamo dagli amici di Buia e Gemona con il solito commiato a base di vino e formaggio e con l’impegno che l’anno prossimo verranno in terra comeliana per un’escursione, questo scambio si sta verificando da ben 33 anni.



28-29 e 30 agosto, Monte Rosa. Il CAI di Lorenzago ha organizzato l'uscita con le guide di Auronzo di Cadore (Tre Cime); della nostra Sezione si è aggregato un componente. Il giorno 28 partenza di primo mattino per Alagna Valsesia. Nel pomeriggio raggiungiamo con gli impianti quota 2050 m. e da lì a piedi al rif. Guglielmina (2880 m.) per il primo pernottamento. Il 29 salita al rif. Mantova (m. 3450) e primo contatto con il ghiacciaio e i suoi crepacci; facciamo attività di prevenzione con l'uso dei ramponi e piccozza ed, eventuale recupero del caduto nel crepaccio, mettendo in essere le tecniche di recupero e l'uso dei nodi di progressione in cordata su ghiacciaio. Si sale fino a quota 4000 m. circa, facendo un buon acclimatamento per la salita di domani. Il 30 si parte per la Punta Gnifetti (m. 4554) alle h. 5,00 del mattino, l'aria e pungente, al rifugio di partenza la colonnina di mercurio segna +4° C., a quota 4000 m. circa indossiamo guanti, berretto e quanto abbiamo nel sacco per ripararci dal freddo, il primo sole lo troviamo sul Colle Gnifetti a quota 4454 m., tra la Punta Zumstein e Punta Gnifetti, ma il vento aumenta la senzazione di freddo. A Punta Gnifetti ci ricoveriamo all'interno del rif. Margherita, in attesa che tutti i nostri compagni raggiungano la meta. Lo scenario è meraviglioso ed imponente, a 360°, le foto lo dimostrano. Si sale anche la punta Zumstein (m. 4563), ci sovrasta soltanto la Punta Dufour e la Norden e poi giù fino ad Alagna per il rientro in Cadore.













lunedì 1 agosto 2011

I mercoledi del Cai - Trento Film Festival - 3/10/17 agosto 2011


Ritornano anche quest'anno "I mercoledi del Cai" con le proiezioni di alcuni film dell'ultimo Trento Film Festival.

Vi aspettiamo il 3 agosto 2011 alle ore 21 nella Sala Convegni della Regola di Costalta per vedere i film:

Il Corridore

&

L'abbraccio del Silenzio

&

Panaroma



il 10 agosto alle 21 nella Sala Convegni della Regola di Padola con il film

Summer Pasture 



ed infine il 17 agosto nella Sala Polifunzionale delle Scuole Elementari di Dosoledo con la proiezione de

The Asgard Project

&

Linea continua

l'ingresso è libero, clicca sulle foto per leggere la descrizione dei film. 




ho aggiunto un video con la premiazione di Achille Carbogno al Pelmo D'Oro 2011

clicca qui

venerdì 29 luglio 2011

Ferrata del Camoscio - Chiusura - comune di San Pietro di Cadore

Si comunica la chiusura della ferrata del Camoscio, unica ferrata in territorio del comune di San Pietro di Cadore nota n. 1177 del 27 giugno 2011, a prot. comunale n. 3394 del 01.07.2011, a Comunità montana del Comelico e Sappada comunicava che la Regione del Veneto non ha istituito a bilancio alcun stanziamento per la manutenzione delle vie ferrate per l'anno 2011 e che conseguentemente non può far fronte alla delega per l'affidamento dei necessari sopralluoghi e manutenzioni ordinarie e straordinarie per la struttura in oggetto. 

Continua la nota più sotto: che, questa Amm.ne comunale non dispone, nell'immediato, di mezzi atti a ripristinare le condizioni di sicurezza sulla via ferrata in parola;

Da notare che la ferrata continua come Traversata Carnica dove, esattamente dopo la Cima Palombino il comune di San Nicolò di Comelico non impone questo divieto. 

Trattandosi di ordinanza Sindacale, la 20 del 21 luglio 2011 tale avviso verrà affisso unicamente nel territorio di San Pietro di Cadore. 

Ci scusiamo del disservizio, il Cai Val Comelico esegue la manutenzione esclusivamente dei sentieri non ferrati.

Contro il presente provvedimento è ammesso ricorso, nei  60gg, al TAR del Veneto o, in alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica nei 120gg. dalla notifica.

Informazioni: ut1.sanpietro@cmcs.it tel. 0435460783



Ricordo inoltre che ieri sera nella riunione in sede Cai a Casamazzagno davano disponibilità alla manutenzione dei sentieri una decina di persone su oltre 600 iscritti al sodalizio, ricordando  che la manodopera è volontaria e quindi non retribuita, che le spese sostenute nella sistemazione dei sentieri vengono rimesse parzialmente e molto tempo dopo, Giancarlo Zonta già Presidente e ora vice, rivolge un accorato appello alla disponibilità di nuovi volontari, specialmente nella zona di Santo Stefano di Cadore la zona più scoperta attualmente, nonché una sensibilità diversa delle istituzioni, perché di questo passo diversi sentieri verranno chiusi e perciò c'è da chiedersi quali servizi offriremo ai residenti e turisti.

giovedì 28 luglio 2011

14° Premio Pelmo d'oro - Sabato 30 luglio - Dosoledo (Comelico Superiore)


Il comune di Comelico Superiore, la Provincia di Belluno, Regione del Veneto, Fondazione Dolomiti Unesco, Dolomiti turismo & Cai Val Comelico vi invitano alla quattordicesima edizione del Premio Pelmo d'oro presso la Sala Polifunzionale della Scuola elementare a  Dosoledo di Comelico Superiore (BL).

ecco il programma (clicca sull'immagine per vederlo in grande)


questa sera alle ore 20h45' nella sede Cai Val Comelico a Casamazzagno si terrà l'ultima riunione organizzativa per i volontari.


p.s.


ho aggiunto un video con la premiazione di Achille Carbogno al Pelmo D'Oro 2011


clicca qui


http://www.youtube.com/watch?v=6EyX6KNkgbg

domenica 24 luglio 2011

28/29 maggio 2011 Giornata del Sentiero







28/29 maggio 2011 Giornata del Sentiero


Il meteo del giorno 28 non ci permette di iniziare i lavori di ordinaria manutenzione lungo il sent. 143 Monte Carro e collegamento attraverso f.lla Piccola alla Cima Mezzana, f.lla Mezzana e Valle delle Forcellette. Nella mattinata: Ivo, Primo, Lorenzo e Giancarlo provvedono al trasporto dell'attrezzatura necessaria per l'intervento (due motoseghe, il carburante per l'uso delle stesse, tre cesoie ed altro) fino a quota 1800 m. circa, sotto la minaccia della pioggia e l'incontro della neve caduta durante la notte, rendendo ancor più disagevole il raggiungimento della meta. Esausti rientriamo, con il sollievo che domani saliremo lo stesso itinerario con minor peso sulle spalle e con previsioni meteo più favorevoli.


Il giorno 29 il numero degli addetti ai lavori era ridotto a sei unità: Ivo, Mario, Giancarlo, Lelio, Errico e Alfieri. Veramente contavamo di formare tre gruppi di lavoro, chi al mare, chi a qualche festa di famiglia, il numero dei volontari si è ristretto ai sei elencati. Il lavoro operato è risultato soddisfacente, fermandosi a f.lla Piccola e la prima parte del percorso di collegamento dalla Valle delle Forcellette a f.lla Mezzana, chi avrà modo di percorrere i tratti manutentati potrà rendersi conto del lavoro (qualitivamente e quantitivamente) eseguito. Ora resta l'intervento di apertura da f.lla Piccola alla cima del Monte Carro e il collegamento dalla predetta forcella alla f.lla Mezzana e si auspica che altri volontari si rendano disponibili per un fine settimana da programmare entro l'estate.


cfr. foto

venerdì 22 luglio 2011


Sistemato il sentiero 153 che da Forcella Ciapelei conduce al bivio con il 152 diretto alla Ferrata Mazzetta, era interotto in alcuni canaloni per frane.

Il video del lavoro è qui



è stata inoltre sistemata la tabella in direzione Col Dla Tenda a circa 2100 metri il cui video è disponibile qui..


sistemati a fine giugno anche i sentieri 126 & 164 in direzione Forcella de Ambata




a breve altri aggiornamenti..

lunedì 2 maggio 2011

Il calendario delle escursioni 2011 è scaricabile online

Siamo lieti di annunciare il calendario 2011 in formato PDF, scaricabile e stampabile delle escursioni Cai Val Comelico disponibile cliccando il link qui sotto


vi ricordo inoltre le numerose problematiche dei sentieri come il 151/la sapada vicino all'incrocio con il 164 (poco prima dell'ex lago Cadin) 


questa invece è presa sul sentiero 155 fra il Zancurto e il Rifugio Lunelli





chi voglia può contattarci per collaborare alla manutenzione ordinaria.

lunedì 18 aprile 2011

Riunione Cai sulla sentieristica


Venerdi 22 riunione Cai sulla sentieristica anno 2011 (sentieri da sistemare, tabelle ecc..) in comunità montana Comelico e Sappada, via Dante Alighieri 3 - Santo Stefano di Cadore ore 20.45. Si cercano volontari


venerdì 4 marzo 2011

Tutte le modalità per coloro che vogliono diventare soci e per quelli che intendono rinnovare l'iscrizione alla sezione.


Il termine utile per il rinnovo del tesseramento è come sempre fissato al 31 marzo.

Tutti i soci sono invitati alla puntualità, utilizzando il modo che
ritengono più opportuno (contatto diretto con un referente, con
bonifico o assegno bancario).

La sede sezionale di Casamazzagno, p.zza della Salute 8, sarà aperta
tutti i sabati dalle ore 17,00 alle 19,00, da Gennaio all’ultimo sabato
di marzo.

Sono sempre disponibili i “soliti” referenti dei bollini in ogni
paese del Comelico.

I Soci a cui la Segreteria invia a mezzo corrispondenza il bollino, sono
pregati di integrare di € 1,00 il versamento a favore della Sezione, per
spese postali.

Chi non intende aderire più al sodalizio è pregato di
comunicarlo con nota scritta entro il mese di febbraio.


Tariffario:

Socio ordinario € 41,00

Socio famigliare (convivente con ordinario) € 22,00

Socio giovane (minore di 18 anni, nati nel 1994 e seguenti) € 16,00

Quota ammissione nuovo iscritto (tessera, gadget ed altro) € 9,00

Quota di abbonamento eventuale alla Rivista + Notiziario:

- socio familiare € 11,00

- socio giovane € 6,00

Quota abbonamento eventuale a “Le Dolomiti Bellunesi”, due numeri
€ 5,00

Quota abbonamento eventuale a “Le Alpi Venete”, due numeri
€ 5,00

Supplemento abbonamento alla Rivista + Notiziario per recapito estero €
23,00

Contributo supplementare per rinnovo dopo scadenza (31 marzo) €
5,00



I rinnovi possono essere effettuati nei seguenti modi:

- bonifico bancario su cc nr. 101050010 intestato a Sezione C.A.I. Valcomelico
presso UNICREDIT Banca SpA, filiale di S.Stefano di Cadore ABI 02008 CAB 61280 CIN “F” (cod. IBAN IT64K0200861280000101050010);

- assegno bancario con dicitura “non trasferibile” indirizzato
alla Sezione;

- direttamente presso un ns. fiduciario referente.



Per un contatto diretto: per tesseramento, informazioni sulle
attività, consultazione della biblioteca sezionale, informazioni su
periodici e pubblicazioni, è consigliabile sfruttare il periodo di
apertura della Sezione: tutti i sabati dalle ore 17,00 alle ore 19,00 da
Gennaio all’ultimo sabato di Marzo.



Il ritocco del costo dei bollini per l’anno 2011 è conseguenza dovuta all’aumento che è stato deliberato
dall’Assemblea dei Delegati di Riva del Garda.


Referenti per la raccolta delle quote e distribuzione bollini

CANDIDE - DE LORENZO Sonia – abbigliamento - tel. 0435-68341

CASAMAZZAGNO - MARTINI B. Rosalia “ 0435-67357

DOSOLEDO - STAUNOVO P. Mario Cesarino “ 0435-68032

PADOLA - CARBOGNO Vittorio “ 0435-67219

PADOLA - OSTA STUBE “ (Federica e Chiara) 0435-67271

S.NICOLO’, COSTA, DANTA - DE TOMAS Irma 329-8869981

S.STEFANO, CAMPOLONGO - FONTANA Dino “ 0435-62484

COSTALISSOIO, CASADA - Cartolibreria CARDUCCI (S.Stefano) “ 0435-62648

S.PIETRO, MARE, PRESENAIO - ZANDONELLA Ivo “ 334-6546354

COSTALTA - CASANOVA C. Ruggero “ 0435-460470


domenica 23 gennaio 2011

Problematiche dei sentieri

Ecco alcuni sentieri da risistemare.

Il sentiero numero 164 (dal Passo Sant'Antonio al Rifugio Lunelli in direzione Malga Ajarnola a quota 1600 metri circa (clicca sopra l'immagine per ingrandirla)


 Il secondo sentiero non è del CAI, ma è un ottimo panoramico sentiero di collegamento fra Gera (San Nicolò di Comelico) e Candide (Comelico Superiore), questo è un sentiero mantenuto da volontari.


Si tratta delle solite problematiche invernali o di incuria della gente, con rami o alberi caduti causa peso della neve e che in ogni primavera si rimettono a posto.



Chiunque abbia delle foto di sentieri ostruiti da qualsiasi ostacolo ce le mandi con luogo e numero del sentiero, le pubblicheremo.